18/02/13

Letteratura Anatomica


Io, Cristina Taliento, cantastorie e studente di medicina, figlia maggiore, classe 1993,  nel giorno 18 Febbraio 2013, con la più necessaria urgenza, tra risate carnevalesche, calici alzati e storiche lotte intestine, per la gloria del mio esuberante, riservato, ego,  per il ricordo dei miei cavallereschi sedici anni, nel nome delle conquiste dei miei più alti pensieri, in memoria della saggia infanzia e di questo ancor più sfuggevole presente, in accordo con gli innumerevoli, differenti, punti di vista, dopo lunghe meditazioni, pazienti studi e ritiri spirituali, forse per un Dio e quasi per gioco, all’età di diciannove imperituri anni, teatralmente, con le spalle dritte e un teschio in mano, ridendo 

FONDO

Il Movimento della Letteratura Anatomica  e mi dichiaro Responsabile degli stravolgimenti culturali, politici, sociali che questo movimento, indubbiamente causerà, ribaltando quanto i Movimenti del Novecento hanno fatto sinora. Nel più sentito rispetto del passato, con commossa ammirazione per le tombe dei poeti incantati, mi congedo dai letterati del secolo scorso e da quelli degli anni duemila e, trattenendo il fiato,  sposto per sempre, da questo momento, primamente per la tranquillità del mio animo e per la Verità che ho da sempre cercato nel mondo, l’asse intorno a cui tutto ruota e tutto verte. Decido, dunque, di compiere Io il dovere morale di dissezionare l’essere umano, non già nella sua psiche e nella sua interiorità, come già fecero i miei predecessori, quanto nella carne e nella sua anatomia. Voglio che nel fragore di specchi caduti dall'alto, l'uomo possa chinare la testa e riconoscersi, oltre il biancore dei suoi denti e il colore dei suoi capelli, nella contrazione del muscolo e nel colore del suo fegato. Voglio che, prima dell'individuo, arrivi lo scheletro. La mia stilografica sarà, a partire dal secondo in cui le mie falangi sigilleranno questo giuramento sui tasti- sarà il bisturi con il quale mostrerò all’uomo il suo vero volto, riportandolo alla sua intima, veritiera, umanità. Abolisco, quindi, sostituendo l’inchiostro al sangue, la diffusa paura dei visceri e apro, con le più nobili intenzioni, su questa scrivania i toraci dell’umanità intera.

Con coraggioso rigore, dimenticate le scuse, superate le promesse d'umiltà, salto qui, per la prima volta, nella mia, nella nostra, nuova Visione.

Parma, 18 Febbraio 2013

Cristina Taliento

11 commenti:

F. Lupis ha detto...

E' tipo... un cosa tremendamente geniale?!

Hai un primo seguace u.u E la mia ammirazione spasmodica per Ballard non può che spingermi a portare il tuo verbo ovunque u.u

Un abbraccio.
Amen.

Fabio u.u

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

si, dai. Ti ammetto. Il tuo soprannome sarà Cardias.
Amen XD

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

ma anche voi notate della pubblicità in questo blog, un po' ovunque?
Molto infestante. Preferivo i fantasmi, però... Mi piacerebbe toglierla. Altrimenti, non ci pensate

amanda ha detto...

studente di medicina? davvero?
collega allora tra un po' :)

amanda ha detto...

ne riparliamo tra uno scafoide ed un sovraspinato, tra un' isola di Langerhans ed un nucleo caudato
studia piccola, studia :)

Zio Scriba ha detto...

Non ti sembra che quello anatomico sia un filone un po' inflazionato? L'unica vera novità sarebbe scrivere davvero col sangue... :)

Però è quel "Parma" che mi disorienta. Non stavi dalle parti di Lecce?

Ciao!!

Tomaso ha detto...

Cara Cristina, i tuoi post, fanno sempre centro:) Molto interessante.
Buona giornata sperando il sole.
Tomaso

Annie. ha detto...

Non ci credo, ho scoperto perché non riuscivo a lasciarti commenti: maledetto blocco popup.
Posso aggiungermi anch'io al movimento?

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

okay! Per i battesimi ci troviamo al Mc Donald all'angolo tra le Bacheche di Blogger e l'inizio dei primi Profili!

Annie. ha detto...

Io abito giusto giusto sopra un McDonald che mi fornisce questa linea e i McFlurry notturni chiarificatori. Grida quando arrivi.

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

Io e Fabio arriviamo verso le 26, 26 e 30, dipende se si aggiungono altri a noi. Aspetta le nostre grida per quell'ora, il 30 Febbraio. Cade di novedì.